Articolo di Davide Mana, tratto dal sito Strategie Evolutive.


Ci fu un tempo – quando i dinosauri dominavano la terra – in cui la forma breve, dal racconto alla novella, era il formato standard della narrativa d’immaginazione.
Prima che tutto diventasse trilogia, c’erano i racconti delle riviste, i romanzi brevi da ottanta pagine vendute a 15 centesimi, e i fix-up… falsi romanzi costruiti montando racconti.
E nessuno si lamentava.

E le storie brevi continuano a venire scritte anche oggi – pubblicate su riviste, oppure online, oppure raccolte in antologie.
Heroika è una collana di antologie tematiche editate da Janet Morris e pubblicate da Perseid Press, che ha debuttato l’estate scorsa – il primo volume viaggia sulle 450 pagine, si vende per 7 e spiccioli in formato elettronico, ed ha per sottotitolo Dragon Eaters.

Dragon Eaters è un eccellente esordio.
Il volume è zeppo di ottime storie, e ha il pregio di rimettere il drago al suo posto – a rappresentare una forza della natura ostile e aliena.
I draghi buoni-buoni e sull’orlo dell’estinzione sono una delle tante piaghe che hanno affollato il template fantasy negli ultimi anni.
Unabuona idea, se usata con parsimonia, una volta inflazionata è lentamente scivolata nel ridicolo o, peggio, nella noia.
In Dragon Eaters no – il drago è pericoloso, spesso cattivo, sempre estraneo, sempre ostile.
E che gli uomini lo affrontinmo per interesse, per altruismo, per fede o per calcolo, la lotta è impari, l’esito incerto.

2cf2f13b365deeebafd4a4468f721081-d6hvigl

In Heroika: Dragon Eaters, i draghi vengono accoppati, cacciati, intrappolati, battuti, spesso mangiati o consumati – ritualmente, per acquisirne il potere, o solo come definitiva dimostrazione di superiorità.
Il tutto, in racconti che percorrono tutta la storia umana, dal neolitico al futuro più o meno prossimo.

I racconti dell’antologia brillano non solo per l’originalità delle trame (che mandano a gambe all’aria una quantità di aspettative e formule, ed è bello), ma anche per la qualità della scrittura.
Che si tratti di heroic fantasy, di sword & sorcery, di urban fantasy (quella vera, senza gli angeli che scopano coi licantropi), di literary fantasy o di science-fantasy, qui dentro c’è tutto.
Ed è ottimo.
Impressionante la lista degli autori: Janet Morris and Chris Morris, S. E. Lindberg, Walter Rhein, Cas Peace, Jack William Finley, A.L. Butcher, Travis Ludvigson, Tom Barczak, J. P. Wilder, Joe Bonadonna, Milton Davis, M Harold Page, William Hiles, Beth W.Patterson, Bruce Durham, and Mark Finn.

Come si diceva, un esordio spettacolare, per una serie della quale il secondo volume è già in preparazione.
Si intitolerà, mi dicono, Shieldless.
Viste le premesse, credo sarà un’ottima cosa.

Davide Mana

Facebook Comments

Scritto da Francesco La Manno

Blogger, recensore, saggista, curatore specializzato nello sword and sorcery; fondatore e presidente di Italian Sword&Sorcery e socio della World SF Italia.

2 comments

Rispondi