“Prima dei Romani, prima dei veri Druidi celti, prima dei Gaelici e dei Pitti stessi, c’era il Druido Nero… il Maestro dell’Uomo. Così era chiamato, poiché era l’ultimo degli Uomini-Serpente, l’ultimo di quella genìa che dominò il mondo prima dell’arrivo dell’umanità. Fu la sua mano a consegnare a Eva la mela, e instradare il piede di Adamo sulla via del risveglio.”

 

Robert E. Howard, Il tempio dell’abominio (The Temple of Abomination, 1974) , Donald M. Grant.

Scritto da Francesco La Manno

Saggista, curatore, editore e cultore di narrativa dell'immaginario specializzato nello sword and sorcery; presidente dell'Associazione Culturale Italian Sword&Sorcery e fondatore di Hyperborea. Socio e consulente della Commissione Contratti della World SF Italia. Scrive per Il Giornale Off, L’Intellettuale Dissidente, Nuovo Corriere Nazionale e Dimensione Cosmica contributi relativi allo sword and sorcery e alla narrativa fantastica. Ha pubblicato con Solfanelli, Watson edizioni, Zhistorica, Delos Digital, Letterelettriche, Italian Sword&Sorcery Books e Ailus editrice. E’ consulente della Commissione Contratti della World SF. E’ stato relatore alla Camera dei Deputati, all’Università Popolare di Torino, all’Alecomics e al Casale Comics&Games.

Rispondi