1003813“Prima dei Romani, prima dei veri Druidi celti, prima dei Gaelici e dei Pitti stessi, c’era il Druido Nero… il Maestro dell’Uomo. Così era chiamato, poiché era l’ultimo degli Uomini-Serpente, l’ultimo di quella genìa che dominò il mondo prima dell’arrivo dell’umanità. Fu la sua mano a consegnare a Eva la mela, e instradare il piede di Adamo sulla via del risveglio. Dopo che Re Kull di Atlantide ebbe sterminato con la spada in una battaglia disperata gli Uomini-Serpente, lui solo sopravvisse: da quel momento ha assunto le sembianze umane ed è l’ultimo erede dell’antica legge satanica.”

Robert E. Howard, Il tempio dell’abominio (The Temple of Abomination, 1974), Donald M. Grant.

Scritto da Francesco La Manno

Saggista, curatore, editore, conferenziere e cultore di narrativa dell'immaginario specializzato nello sword and sorcery; fondatore e presidente dell'Associazione Culturale Italian Sword&Sorcery e socio della World SF Italia. I suoi saggi sono stati pubblicati da varie case editrici tra cui Solfanelli, Watson, Ailus e Letterelettriche. Scrive su L'intellettuale Dissidente e su alcune riviste tra cui Dimensione Cosmica e Lost Tales. Oltre alle pubblicazioni tradizionali, su siti e blog specializzati sono apparsi oltre duecento suoi articoli, recensioni e saggi.

Rispondi