1003813“Prima dei Romani, prima dei veri Druidi celti, prima dei Gaelici e dei Pitti stessi, c’era il Druido Nero… il Maestro dell’Uomo. Così era chiamato, poiché era l’ultimo degli Uomini-Serpente, l’ultimo di quella genìa che dominò il mondo prima dell’arrivo dell’umanità. Fu la sua mano a consegnare a Eva la mela, e instradare il piede di Adamo sulla via del risveglio. Dopo che Re Kull di Atlantide ebbe sterminato con la spada in una battaglia disperata gli Uomini-Serpente, lui solo sopravvisse: da quel momento ha assunto le sembianze umane ed è l’ultimo erede dell’antica legge satanica.”

Robert E. Howard, Il tempio dell’abominio (The Temple of Abomination, 1974), Donald M. Grant.

Scritto da Francesco La Manno

Saggista, conferenziere, curatore specializzato nello sword and sorcery; fondatore e presidente dell'Associazione Culturale Italian Sword&Sorcery e socio della World SF Italia. Collabora con varie case editrici tra cui Solfanelli, Watson, Ailus, Letterelettriche e scrive su alcune riviste di narrativa dell'immaginario tra cui Dimensione Cosmica e Lost Tales. Su siti e blog specializzati sono apparsi oltre duecento suoi articoli, recensioni e saggi dedicati alla fantasia eroica.

Rispondi