«Autari dunque si rizzò quanto più poté sul cavallo che montava e con tutta la sua forza scagliò la piccola scure che aveva in mano contro l’albero più vicino ve la lasciò infissa, dicendo “Così ferisce Autari”.»

Paolo Diacono, Historia Langobardorum, 789 d.C.

Facebook Comments

Scritto da Francesco La Manno

Blogger, recensore, saggista, curatore specializzato nello sword and sorcery; fondatore e presidente di Italian Sword&Sorcery e socio della World SF Italia.

Rispondi