“Per le rune cremisi sul tuo dorso, tracciate quando ti sei frapposto tra me e la frusta! Per ogni goccia di quel sangue, noi siamo fratelli. E io sarò il tuo scudo, come tu lo sei stato per me. Le nostre spade diverranno una sola. I tuoi amici saranno anche i miei e i tuoi nemici saranno miei nemici. E darò la vita per te, quando sarà necessario! Lo giuro, per Odino Padre di Tutti e per gli Asi, io, Sigurd figlio di Trygg! E se mai infrangerò la promessa, possa io languire avvelenato dai serpenti di Hela fino a quando Yggdrasill, l’Albero della Vita, appassirà e verrà il Ragnarok, la Notte degli Dei!”

Abraham Merritt, Il vascello di Ishtar (Ship of Ishtar, 1926), G. P. Putnam’s Sons.

Scritto da Francesco La Manno

Saggista, curatore, editore, conferenziere e cultore di narrativa dell'immaginario specializzato nello sword and sorcery; fondatore e presidente dell'Associazione Culturale Italian Sword&Sorcery e socio della World SF Italia. I suoi saggi sono stati pubblicati da varie case editrici tra cui Solfanelli, Watson, Ailus e Letterelettriche. Scrive su L'intellettuale Dissidente e su alcune riviste tra cui Dimensione Cosmica e Lost Tales. Oltre alle pubblicazioni tradizionali, su siti e blog specializzati sono apparsi oltre duecento suoi articoli, recensioni e saggi.

Rispondi