A Poseidonis sepolta dalle onde

Fui come il nero dio dell’abisso:

Tre corni di similoro Spuntavano sul mio doppio diadema;

E un occhio solo, di luna l’emblema,

Pareva uscito da un’orrenda meteora.


Clark Ashton Smith, Atlantide e i mondi perduti, Mondadori, Milano, 2017.

Scritto da Francesco La Manno

Saggista, curatore, editore e cultore di narrativa dell'immaginario specializzato nello sword and sorcery; presidente dell'Associazione Culturale Italian Sword&Sorcery e fondatore di Hyperborea. Socio e consulente della Commissione Contratti della World SF Italia. Scrive su Il Giornale OFF, L'intellettuale Dissidente e Dimensione Cosmica. I suoi saggi sono stati pubblicati da varie case editrici tra cui Solfanelli, Watson edizioni, Zhistorica, Delos Digital, Lost Tales (edita Letterelettriche), Italian Sword&Sorcery Books e Ailus editrice. E’ consulente della Commissione Contratti della World SF. E’ stato relatore alla Camera dei Deputati, all’Università Popolare di Torino, all’Alecomics e al Casale Comics&Games.

Rispondi