Venne un tempo in cui ci furono grandi sommovimenti sulla Terra e al disopra della Terra, il destino degli uomini e degli dèi venne forgiato sull’incudine del fato, si prepararono guerre mostruose e si idearono grandi imprese. E in quel tempo, che venne chiamato Epoca dei Regni Giovani, nacquero molti eroi. Il più grande di tutti fu un avventuriero perseguitato da una maledizione, possessore di una spada stregata che lui odiava.

Michael Moorcock, Elric il negromante, Editrice Nord, Milano, 1979.

Scritto da Francesco La Manno

Saggista, curatore, editore e cultore di narrativa dell'immaginario specializzato nello sword and sorcery. Presidente dell'Associazione Culturale Italian Sword&Sorcery e direttore editoriale di Hyperborea. Socio e consulente della Commissione Contratti della World SF Italia. Nel 2019 aderisce a CulturaIdentità e frequenta con profitto la Scuola di Formazione GEM a Roma, dedicata al giornalismo, alla comunicazione, all’editoria e ai nuovi media. Scrive per Il Giornale, Geopolitica.ru, Il Giornale Off, L’Intellettuale Dissidente, Ereticamente, Nuovo Corriere Nazionale e Dimensione Cosmica. Ha pubblicato con Solfanelli, Watson edizioni, Zhistorica, Delos Digital, Letterelettriche, Italian Sword&Sorcery Books e Ailus editrice. E’ stato relatore alla Camera dei Deputati, all’Università Popolare di Torino, alla Italcon, a Vaporosamente, all’Alecomics e al Casale Comics&Games.

Rispondi