Spada, Stregoneria e Musica – Rush – Rivendell – Fly By Night (1975)

Seconda incursione per i Rush (la prima la trovate QUI), il super trio canadese che questa volta ci trascina nella città degli Elfi di Tolkien: Gran Burrone.

La chitarra acustica di Alex Lifeson dipinge lo stato d’animo di pace e serenità che albergano questo luogo, rintoccato dalle tastiere eteree di Geddy Lee che scandiscono uno scorrere dolce e lento del tempo. Il buon Neil Peart questa volta lascia riposare la pelle dei suoi tamburi e lascia che sia il testo a parlare.

Rivendell

 Sunlight dances through the leaves
Soft winds stir the sighing trees
Lying in the warm grass
Feel the sun upon your face
Elven songs and endless nights
Sweet wine and soft relaxing lights
Time will never touch you
Here in this enchanted place

I’ve traveled now for many miles
It feels so good to see the smiles of
Of friends who never left your mind
When you were far away
From the golden light of coming dawn
Till the twilight when the sun is gone
We treasure every season
And every passing day

You feel there’s something calling you
You’re wanting to return
To where the misty mountains rise
And friendly fires burn
A place you can escape the world
Where the dark lord cannot go
Peace of mind and sanctuary
By loudwater’s flow

We feel the coming of a new day
Darkness gives way to light a new way
Stop here for a while until
The world calls you away
Yet you know I’ve had the feeling
Standing with my senses reeling
This is the place to grow old
Till I reach my final day

Gran Burrone

 La luce del Sole danza attraverso le foglie
Dolci venti agitano gli alberi che sospirano
Giacere sull'erba calorosa
Senti il Sole sulla tua faccia
Canzoni elfiche e notti senza fine
Dolce vino e luci soffuse rilassanti
Il tempo non ti toccherà più
Qui in questo luogo incantato

Ho viaggiato adesso per molte miglia
Ci si sente così bene a vedere i sorrisi di
Amici che non hanno mai abbandonato la tua mente
Quando eri molto lontano
Dalla aurea luce delle neonata alba
Fino al crepuscolo quando il Sole è passato
Facciamo tesoro di ogni stagione
E di ogni giorno che passa

Senti che c'è qualcosa che ti chiama
Hai intenzione di ritornare
Là dove si ergono montagne nebbiose
E fuochi amichevoli bruciano
Un luogo per fuggire dal mondo
Dove il Signore Oscuro non può andare
Pace della mente e santuario
Del rumoroso flusso d'acqua

Percepiamo l'arrivo di un nuovo giorno
L'oscurità lascia spazio alla luce che illumina una nuova via
Fermati qui per un po' finchè
Il mondo ti richiama lontano
ppure sai che ho avuto la sensazione
In piedi con i miei sensi barcollanti
Questo è il luogo per invecchiare
Finchè raggiungo il mio ultimo giorno

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: