recensione: “il libro delle meraviglie e altre fantasmagorie” di lord dunsany

                                        Dettagli

Titolo: Il libro delle meraviglie e altre fantasmagorie

Autore: Lord Dunsany

Collana: Oscar Draghi

Casa Editrice: Mondadori

Pagine: 648

Formato: cartaceo

Prezzo: 25,00 €

Data di uscita: giugno 2020

 

Sinossi

Dèi senza nome, reami fatati e foreste tenebrose, poetici scenari a metù tra incubo ed estasi: è qui che vaga la fantasia sfrenata di Lord Dunsany, una terra dove fantasime luminose si inseguono in un labirinto che è bello immaginare senza uscita.

 

Commento

Lord Dunsany!

Se è esistito un nome – marchiato a fuoco nella memoria dell’adolescenza – su cui abbia favoleggiato negli anni lontani in cui mi iniziavo al Fantastico, certo questi è quello di Edward John Moreton Drax Plunkett, XVIII Barone Dunsany.

Facile spiegare il perché: approdato con incauto entusiasmo ai miasmi cosmici del corpus lovecraftiano, avevo presto appreso come il nobile angloirlandese figurasse tra gli antesignani e i mentori dell’operato del Maestro di Providence. Quali meraviglie melliflue e terribili, così avevo inteso, dovevano celarsi fra le pagine dei suoi racconti! Terre del sogno, dèi remoti e inconoscibili, scenari fiabeschi che confinano tanto con la luce che con le tenebre dell’Immaginario…Ed è proprio così.

Edward_Plunkett,_18th_Baron_Dunsany

Stringendo fra le mani il bellissimo volume da poco uscito nella collana Oscar Draghi Mondadori e curato da Massimo Scorsone – che tante ristampe sta dedicando ai grandi nomi del fantasy e non solo – ho infatti finalmente adempiuto ai voti della mia giovinezza, rimasti incompiuti fino ad oggi. Mea culpa, che mi sono a lungo accontentato di pregustare i fasti dunsaniani solo tramite alcuni dei suoi racconti sparsi nelle varie antologie che hanno ospitato il Barone negli anni 90’, senza mai reperire pubblicazioni più corpose. Ora che invece tante meraviglie riposano in un unico scrigno, non posso che dirmene abbagliato, e insieme lieto e colpevole di aver atteso tanto.

La narrativa dunsaniana è un unicum.

Non per i suoi ingredienti, che in qualche misura sono noti e identificabili uno ad uno anche nella produzione di altre penne più o meno contemporanee. Il retaggio del periodo edoardiano, il misticismo fantastico di derivazione irlandese, l’allure classicheggiante e la propensione a indicare nella dimensione onirica una realtà “altra”. Tutte queste sono coordinate stilistiche e contenutistiche necessarie ma non sufficienti a definire nel suo complesso l’operato letterario di Dunsany, che sfugge alle facili categorizzazioni proprio come l’ambientazione immaginifica di molte sue storie, situate in reami fantastici appena oltre i confini delle terre conosciute, letteralmente “sul bordo del mondo”.

sidney-sime_orig

Il volume offre a riprova di ciò una ricca messe, in quanto riunisce ben due romanzi e due raccolte di racconti – Il libro delle meraviglie, Demoni, uomini e dei, La figlia del re degli elfi e La maledizione della veggente – che sono tutti capolavori di esotismo e passione estetica per il fantastico inteso come fascinazione dell’Altrove. Rimarcare – come accennato all’inizio – l’influenza di Dunsany sullo sviluppo, invero originale, del pantheon lovecraftiano, credo sarebbe fare un torto a entrambi. Da un lato si sminuirebbe la progressiva evoluzione concettuale che Lovecraft ebbe degli obiettivi e dei contenuti del suo lavoro, dall’altra non si renderebbe merito a Dunsany, che non fu un meccanico precursore, bensì un pienamente autonomo sognatore. Se vogliamo, è proprio il languido onirismo degli scenari dunsaniani il collante fra le sensibilità dei due autori, e nella scelta del nostro Lord di accennare alle tenebre coperto da un velo di disincantata malizia, cogliamo la sua particolare devozione aristocratica al Bello e insieme al Terribile.

Un ultimo barlume che sa di fatato in un mondo ormai prossimo al completo disincanto, ma ancora brillante quanto basta per correre ad accaparrarsi questa raccolta dalle pagine sfumate di blu, e riporla fra i tesori di un ideale altare innalzato al suo autore.

Scritto da Andrea Gualchierotti

Andrea Gualchierotti (Roma, 1978) vive e lavora in provincia di Roma. Dopo la laurea in Sociologia, ha conseguito il master in Marketing management, specializzandosi poi nella gestione dei Sistemi di Qualità. Ispirato dai numi tutelari del Fantastico d’oltreoceano come R.E.Howard, H.P.Lovecraft e C.A. Smith, ama miscelare nei suoi lavori il gusto per gli scenari esotici con il fascino dei misteri del mondo antico. Per le Edizioni Il Ciliegio è autore, assieme a Lorenzo Camerini, dei due volumi della saga di Atlantide (Gli Eredi di Atlantide e Le guerre delle Piramidi), e in solitaria del romanzo di fantasia eroica mediterranea La stirpe di Herakles. Ha pubblicato numerosi racconti e romanzi brevi a tema fantastico anche per altri editori: Delos Digital, Watson Edizioni, Psiche&Aurora, Ailus e Italian Sword&Sorcery Books. Recensisce novità e classici della letteratura fantasy sulla rivista Hyperborea, di cui è vicedirettore. Suoi racconti e articoli appaiono anche sul quadrimestrale Dimensione Cosmica, diretto da Gianfranco De Turris (Solfanelli), su Il Giornale OFF, e redige contributi di storia delle religioni e letteratura per L’Intellettuale Dissidente. E’ ospite abituale di presentazioni, fiere e convegni, tra cui Più Libri Più Liberi e il recente Fantastico Mediterraneo, presso la Biblioteca della Camera dei Deputati. Di lui hanno parto la rubrica Achab Libri del Tg2 , il quotidiano Il Tempo, oltre a riviste e numerosi siti on line. Quando non scrive, si dedica alle sue passioni per la numismatica, i viaggi e al mai dimenticato amore per i romanzi d’avventura.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: